ARABIA SAUDITA E RUSSIA: NUOVA COOPERAZIONE MILITARE

Il 23 agosto l’Arabia Saudita ha firmato una nuova cooperazione militare con la Russia. Infatti, il principe Khalid ha raggiunto Mosca per partecipare al Forum tecnico-militare internazionale “Esercito-2021”, incontrando il ministro della difesa russo Sergei Shoigu per discutere sulle diverse strategie per migliorare la

Voci di redazione

L’UNIONE EUROPEA A CORTO DI ENERGIA

È stata già chiamata “Crisi dei prezzi dell’energia” l’Ue e gli Stati membri stanno lottando contro la crisi energetica scaturita del gas russo, Italia, Francia e Spagna spingono per una risposta comune europea all’impennata dei prezzi delle bollette, Finlandia e Irlanda non

COSA FARE CON L’AFGHANISTAN?

Il tema del ritiro delle truppe della coalizione NATO e degli USA dall’Afghanistan ha tenuto banco sulla scena politica internazionale sul finire dell’estate; nell'agosto 2021 dopo una campagna militare durata due decenni, il presidente Vladimir Putin ha affrontato la situazione in Afghanistan

Laws & Right

TERRA ABBANDONATA, ANCORA UNA VOLTA LO YEMEN

La decisione del Consiglio dei diritti umani lascia l’amaro in bocca sulle sorti del popolo yemenita, che al netto delle denunce che negli anni si sono susseguite, dal gruppo di esperti precedentemente instaurato, rimane completamente abbandonato come già, del resto, previsto dallo stesso durante il suo mandato. 

PERCHÉ UNA POLEXIT LEGALE NON È POSSIBILE

affrontare la recente sentenza della Corte costituzionale polacca sulla supremazia del diritto europeo rispetto al diritto nazionale. La Corte è arrivata alla conclusone che alcuni articoli

Rotta verso l'artico

Radio America

LA DIPLOMAZIA DEGLI OSTAGGI TRA AMERICA E CINA

Dopo il rilascio di Meng Wanzhou, chief financial officer del colosso cinese delle comunicazioni Huawei e figlia del fondatore dell’azienda, arrestata a Vancouver nel dicembre del 2018 tramite un mandato degli USA con l’accusa di frode bancaria e telematica, sono stati assolti anche Michael Spavor e Michael Kovrig, due canadesi contestualmente incriminati per spionaggio e detenuti in Cina. Questi eventi rappresentano un punto di distensione tra Cina, Stati Uniti e Canada, ma le divergenze rimangono

LA SINDROME DELL’AVANA PARLA RUSSO?

Nelle ultime settimane, negli Stati Uniti, si è tornato a discutere della c.d. “sindrome dell'Avana”. Il riferimento è ai misteriosi disturbi neurologici che dal 2016 ad oggi hanno colpito oltre 200 funzionari dei principali apparati di sicurezza e politica estera della superpotenza (Cia, Pentagono, Dipartimento di Stato, Fbi)

ELEZIONI IN CANADA: LA VITTORIA DI PIRRO DI JUSTIN TRUDEAU

Il 20 settembre si sono tenute le elezioni in Canada e il Primo Ministro, e leader del Partito Liberale, Justin Trudeau, non ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera dei Comuni, cosa che lo obbligherà a formare un governo di minoranza

Eurasia

Middle East & North Africa

IL REGIME DI ASSAD HA GIÀ SCONTATO LA SUA PENA?

La Siria è disposta a tutto pur di essere riabilitata a livello regionale e internazionale, ovvero cancellare l’immagine intimidatoria di sé promossa durante la guerra. Sempre più mani attendono la riconciliazione con Assad, ma il regime ha già scontato la sua pena?

YEMEN: UNA CRISI IRREFRENABILE

Che il conflitto yemenita fosse violento lo si sapeva già, così come è noto che tutte le parti in guerra compiano abusi e violazioni di ogni genere. Nessuna novità fino a qui. I civili continuano a morire, e nessuno alza bandiera bianca. Nel frattempo, però, gli attivisti si scagliano in massa contro la comunità internazionale, accusata di ignorare il massacro quotidiano a cui sono sottoposti i cittadini. E di portare avanti una farsa che non condurrà mai alla cessazione delle ostilità

CONTINUANO LE PROTESTE IN IRAQ

A pochi giorni dalle elezioni legislative gli iracheni sono nuovamente scesi nelle strade per protestare contro la corruzione delle classi dirigenti

L’EGITTO CANDIDATO A OSPITARE LA COP27 NEL 2022

L’inviato degli Stati Uniti al pre-Cop summit di Milano, John Kerry, ha annunciato che l’Egitto è stato selezionato per ospitare la Cop27 che si terrà il prossimo anno. Una scelta che fa molto discutere e che agita i sostenitori dei diritti umani

Geopolitica e Storia